Il mio nonno Giorgio, che era una Vera Autorità, in quanto medico del paese, (io sarei potuta diventare nella vita anche Presidente dei Sette Universi, ma sarei sempre rimasta solo “la nuda dal dutur”, la nipote del dottore) aveva un modo tutto suo per salutarmi: mi sorrideva, abbassando un pò gli occhiali spessi, e mi chiedeva perentorio: “Anna, fammi vedere la lingua!”

Io ubbidivo, divertita. La mia lingua era quasi sempre a posto, vista la sua reazione sorridente e rasserenata. Mi stampava una carezza, e la giornata poteva prendere la sua giusta piega.

Beh, il mio nonno la sapeva lunga. E la sua conoscenza infinita, di cui ha beneficiato gran parte della Val Trebbia, adesso so che spaziava anche nella medicina più antica, quella Cinese. 

La lingua infatti, proprio secondo questo ancestrale sapere, è specchio della salute: ci dice come stiamo, cosa c’è che non va e dove, nel nostro corpo.

Io qui te lo riassumo in soldoni, semplificando al massimo.

La parte centrale è STOMACO, FEGATO E MILZA, quella anteriore è TORACICA, cuore e Polmoni, la parte posteriore è RENI, VESCICA/ APPARATO RIPRODUTTORE, E INTESTINI.

 

Bisogna guardarla, la nostra lingua. 

Quindi io oggi ti invito a prendere uno specchio e tirarla fuori, tutta così, anche divertendoti. 

Se è biancastra, con una patina e macchie spesse, può indicare la presenza di candida, o stress. 

Anche se è troppo rossa non va bene: c è un’infiammazione in atto, oppure carenza di qualche nutrimento.

Se è pallida, potresti essere anemica. Se è bluastra ci sono infiammazioni croniche. 

Ma ti consiglio, in caso di dubbio, di farti controllare da uno specialista.

 

Quello in cui io ti posso aiutare è molto semplice: si tratta di un gesto quotidiano, semplice e anche bello: il NETTALINGUA.

Ci vogliono pochi minuti, e un oggetto che trovi tranquillamente anche su internet a pochi euro.

Io ti consiglio il nettalingua in RAME, perché questo metallo è in grado di inibire la proliferazione dei batteri (non lo dico solo io, e nemmeno il fatto che veniva usato già dagli antichi Egizi, Sumeri, Ittiti, Romani e Greci, ma anche la EPA, agenzia per la protezione ambientale). Il rame è antisettico, disintossicante, aumenta le difese immunitarie e il metabolismo.

 Bene, no?

 

Questo oggettino che ti consiglio caldamente, lo puoi passare mattino e sera sulla lingua, dall’interno all’esterno, per alcune volte.

Poi lo ripulisci in acqua fredda, e se si ossida una volta al mese in aceto e sale. 

Tutto qui.

 Benefici?

 ELIMINA LE TOSSINE
, MIGLIORA L’ALITO,
 DIMINUISCE PLACCA BATTERICA, 
TOGLIE IL MUCO IN ECCESSO
, AIUTA A MIGLIORARE I PROBLEMI GENGIVALI

. Un bel detox, vero? Allora, devo dirti che la pratica Ayurvedica prevederebbe anche l’OIL PULLIN, uno sciacquo della bocca con olio di girasole o cocco molto benefico per almeno 20 minuti. Prometto che te ne parlerò ma…. MI FA SCIFO!!! Non riesco proprio a farlo, scusami! Quindi non so proportelo….

Invece il NETTALINGUA è un rituale purificante e benefico meraviglioso.

Spero ti piacerà come piace a me, e mi raccomando, tienimi informata sui tuoi miglioramenti…


***Se vuoi leggere una cosa semplice sul tema, scaricati la “PICCOLA GUIDA ALLÓSSERVAZIONE DELLA LINGUA SECONDO I PRINCIPI DELLA MEDICINA CINESE”di Laura Vanni

***Oppure anche, più completo ma sempre divulgativo “IL LIBRO DELLA MEDICINA ORIENTALE, GUIDA ALL’AUTOGRARIGIONE” di Clive Witham

Author annab

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *